TESTIMONI DI GIOIA nella vita, nella scuola, nell’associazione, nella Chiesa

Alba esploratore mondoLa gioia è una condizione necessaria per l’annuncio di Cristo risorto  ( e per essere buoni educatori e per vivere pienamente la vita associativa, aggiungiamo noi). Papa Francesco ha già espresso tale concetto in vari momenti del suo inizio di pontificato e stamattina l’ha ribadito durante l’omelia per la Santa Messa mattutina a Santa Marta. Papa Francesco ha osservato come la parola “gioia” appaia sia nella Prima Lettura di oggi (Sof 3,14-17) che nel Vangelo (Lc 1,39-56): quest’ultimo in particolare riporta l’incontro tra Maria e sua cugina Elisabetta, il cui figlio “esulta di gioia” nel grembo, all’udire le parole della Madre di Dio. Ciononostante la gioia non è un tratto così scontato nella vita di tanti cristiani. “Non siamo più abituati a parlare di allegria”, anzi “credo che tante volte ci piacciano più le lamentele”, ha sottolineato il Papa. tal proposito, il Santo Padre ha citato le parole del suo predecessore Paolo VI “chediceva che non si può portare avanti il Vangelo con cristiani tristi, sfiduciati, scoraggiati”. L’autentico “creatore della gioia” è lo Spirito Santo che “ci dà la vera libertà cristiana”. Senza gioia, noi cristiani “non possiamo diventare liberi”, al contrario “diventiamo schiavi delle nostre tristezze”, ha aggiunto. Al punto che talora molti cristiani sembrano “andare più ad un corteo funebre” che non “a lodare Dio”. La lode a Dio, ha poi spiegato il Papa, avviene quando si esce da se stessi “gratuitamente, com’è gratuita la grazia che Lui ci dà”. Lodare Dio, è qualcosa di più che un semplice ringraziamento e l’eternità consisterà proprio nella lode a Lui: “E quello non sarà noioso, sarà bellissimo!”. La gioia della lode “ci fa liberi”, ha aggiunto. Modello di gioia e di lode a Dio è la Vergine Maria che, non a caso, la Chiesa chiama “causa della nostra gioia”, poiché “porta la gioia più grande che è Gesù”, ha ricordato Francesco. Il Santo Padre ha concluso l’omelia esortando a “pregare la Madonna,perché portando Gesù ci dia la grazia della gioia, della libertà della gioia”.

Come può chi testimonia sfiducia e scoraggiamento, chi fa della sua vita un continuo brontolio e malumore …. educare alla vita, impegnarsi in associazione, testimoniare la gioia del generoso servizio alla comunità? Occorre imparare a sorridere a se stessi, agli altri, ad ogni nuovo mattino che viene, non sprecare tempo ed energie nel brontolamento, ma darsi da fare per essere utili a se stessi e alla comunità. Occorre imparare a spazzar via le nuvole che talora opprimono le nostre giornate per far risplendere pienamente il sole, farà bene a noi stessi e agli altri. L’Associazione, in particolare, è basata sul dono reciproco di gioia attraverso il generoso impegno nel farsi dono agli altri. Solo chi spera nel futuro può incamminarsi verso il domani ed orientare gli altri.

Questa voce è stata pubblicata in Associazione e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...