IL SINODO PER L’AMAZZONIA

Il Sinodo, attualmente in corso,  intende facilitare il dialogo sulla responsabilità globale per il rispetto della nostra Casa Comune, portando la riflessione al di là dell’ambito della regione amazzonica e al di fuori delle mura ecclesiali. È una chiamata globale ad ascoltare il grido disperato dei poveri e del nostro Pianeta, ad imparare dalle esperienze di modelli di vita sostenibili per il rispetto della natura, ad  assumere un approccio volto all’ecologia integrale ed agire urgentemente a difesa della nostra Casa Comune. Il Sinodo dell’Amazzonia può operare una profonda trasformazione, ricordandoci che tutto è connesso. L’Amazzonia oggi come emblema di tutti i territori vulnerabili e delle
comunità indigene che li abitano, vittime di violazioni dei più fondamentali diritti umani, e testimoni dello scempio ambientale che vivono nei loro territori per mano delle imprese multinazionali.

Leggi il Amazzonia casa comune

 

Annunci
Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

IL DR. RAFFAELE ZARBO NUOVO DIRETTORE GENERALE DELL’USR SICILIA

Il benvenuto dell’AIMC della Sicilia:Zarbo Raffaele

AIMC – Saluto al Direttore USR Sicilia – luglio 2019

mano clicca

 

Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

SALUTO ALL’ASSISTENTE REGIONALE AIMC

    Lombardo cerimonia funebre

Venerdi 19 luglio l’AIMC regionale con la Presidente regionale, Marina Ciurcina,  e un gruppo di consiglieri e soci ha portato l’ultimo saluto all’Assistente regionale, Padre Giuseppe Lombardo, che è stato anche Assistente provinciale e della sezione della città di Siracusa.

Sacerdote, parroco, docente, giornalista, era direttore del Giornale “Cammino”, Assistente AIMC e di diverse altre Associazioni, padre Giuseppe Lombardo nei diversi ruoli è sempre stato un “Pastore tra la gente”, affabile e sorridente, comprensivo ma fermo, con grande sensibilità educativa, convinta e costante adesione al Vangelo e infine serena accettazione della lunga malattia.

In Ortigia, in una Chiesa del Carmine gremita fino all’inverosimile all’interno e nel sagrato, l’Arcivescovo Mons. Salvatore Pappalardo, insieme a molti Sacerdoti diocesani, ha celebrato la S. Messa e il rito di suffragio per “padre Pippo”, come lo chiamava tutta la comunità parrocchiale, cittadina e oltre.

      Ai diversi indirizzi di saluto si sono levate tre lunghissime ovazioni a dimostrazione della sua costruttiva presenza sacerdotale.

  Ringraziamo padre Giuseppe Lombardo per la sua attività nell’AIMC locale e regionale, lo accompagniamo con la preghiera perché il Signore lo accolga  nel suo Regno, nella certezza che continuerà a “seguire ed assistere l’AIMC” perché sia sempre stimolo e lievito per l’attività educativa della scuola.

 

Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

PADRE GIUSEPPE LOMBARDO, ASSISTENTE ECCLESIASTICO DELL’AIMC DI SICILIA, E’ TORNATO ALLA CASA DEL PADRE

Lombardo GiuseppeL’AIMC di Sicilia ricorda con viva gratitudine la sua saggezza e sapienza,  il suo generoso impegno in associazione e nelle varie realtà ove ha operato, la sua sensibilità educativa, la profondità spirituale, la viva amicizia. Il Signore Lo accolga tra le Sue paterne braccia e Lo ricompensi per il grande bene che ha svolto.

Padre Lombardo, il sorriso gentile che parlava a tutti

“La notizia è arrivata nelle prime ore del mattino. È morto padre Giuseppe Lombardo, parroco della chiesa del Carmine per anni anche responsabile Caritas, al fianco di chiunque fosse in difficoltà. Era malato da tempo e fino all’ultimo ha combattuto con quella serenità che ha saputo trasmettere anche solo con un generoso sorriso e parole di fede e speranza.  Nato a Canicattini Bagni settantacinque anni fa, ordinato sacerdote 48 anni fa, giornalista, parroco della Parrocchia del Carmine, direttore del settimanale cattolico “Cammino”, consulente Ecclesiastico Ucsi di Siracusa e Delegato Regionale della Fisc, Direttore per l’Ufficio per l’Educazione, la scuola e l’università dell’arcidiocesi di Siracusa, Presidente dell’associazione Russia Cristiana “San Vladimir” di Siracusa, professore di teologia pastorale all’Istituto teologico “San Luca” di Catania e Professore di discipline giuridiche ed economiche, Cappellano dell’Istituto di Gesù Redentore di Siracusa, Vice direttore del Consiglio Regionale della Conferenza Episcopale Siciliana per l’Educazione, la Scuola e l’Università, Delegato per la Pastorale della scuola dalla Conferenza Episcopale Siciliana, Assistente ecclesiastico  dell’AIMC (Associazione Italiana Maestri Cattolici) a livello regionale, provinciale e  sezionale.  Ha pubblicato varie opere di carattere spirituale e sociale. Grande il cordoglio sui social dove in molti ricordano le qualità umane di padre Lombardo. E fioccano le foto, ricordo di momenti felici. La Diocesi di Siracusa perde un altro dei suoi grandi. La Camera ardente per salutare il direttore si svolgerà oggi a partire dalle 16 fino alle 21 nella chiesa del Carmine. I funerali, presieduti dall’arcivescovo Mons. Salvatore Pappalardo, si svolgeranno domani, venerdì pomeriggio, alle 16, nella parrocchia Chiesa del Carmine di Siracusa”.

da Siracusa Oggi

 

Pubblicato in Associazione, quale scuola? | Contrassegnato , | Lascia un commento

IL DIRITTO ALLO STUDIO IN SICILIA – — Una buona legge se pienamente attuata

Diritto Studio legge

di Rino La Placa *

Il 5 giugno scorso l’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato la legge sul diritto allo studio, scolastico e universitario. E’ una bella notizia che consente a tutti di dire: Finalmente!   Si tratta di un complesso di 43 articoli che riguardano una molteplicità di aspetti ordinamentali e organizzativi afferenti alla concreta vita delle scuole e delle università siciliane.

Impegnativo e promettente è l’incipit della legge dove si afferma che “la Regione riconosce e garantisce il diritto allo studio e alla formazione sul proprio territorio” e da qui consegue che essa “disciplina gli interventi regionali a sostegno delle politiche educative, ne assicura la qualità, intraprende e persegue le politiche e le azioni volte al miglioramento della complessiva offerta formativa affinché…”

Di grande pregnanza e valore è l’affermazione dell’art. 2 secondo la quale ”La Regione considera l’istruzione e la formazione fattori primari per lo sviluppo e la realizzazione della persona umana e strumento per la crescita democratica e….”.

Potrei continuare ancora nella descrizione di positive suggestioni che il testo normativo mi suscita con riguardo alla tipologia dei servizi e delle prestazioni previste o prefigurate per lo “sviluppo del capitale umano”, ma mi preme rendere nota una considerazione che mi è affiorata spontaneamente.

Quali e quante risorse finanziarie (nuove e aggiuntive rispetto a quelle già destinate) sono previste per la piena attuazione di questa legge?

Non voglio in alcun modo sottovalutare il gran lavoro fatto e la positività dell’esito conseguito, ma viene da chiedersi se è vicino il superamento di alcune vistose e pesanti negatività della Sicilia in campo scolastico e universitario.

Nessuno può negare che in Sicilia ci sono campi e settori dell’istruzione e dell’educazione, esperienze e pratiche educative di grande valore, che ci procurano prestigio e orgoglio; in che cosa ora la nuova legge ci consente di sperare per quanto riguarda l’edilizia scolastica e la messa a norma degli edifici, il tempo pieno nella scuola di base, la generalizzazione delle scuole dell’infanzia, il sostegno agli alunni disabili, le attrezzature didattiche e scientifiche, l’evasione dall’obbligo scolastico, gli standard di apprendimento, il rapporto scuola-lavoro e così via?

Lontana da me ogni ipotesi taumaturgica della legge e non penso, quindi, che l’anno venturo tutte queste questioni saranno risolte, ma fra dieci anni? Ritengo che si potrebbe e dovrebbe fare un programma decennale con verifiche triennali o biennali, destinando le necessarie risorse per la piena attuazione della legge. Il punto che mi angustia è questo: senza risorse finanziarie una “buona” legge può far poco. Anche in campo educativo, dove a lungo si è sostenuto (con buone ragioni)  che per un’efficace educazione è essenziale una intensa e qualificata relazione fra il docente e il discente, fra il maestro e l’alunno. Tutto il resto è utile, ma non essenziale. Forse… non è proprio così. Occorre che l’istruzione, la formazione, l’educazione, la ricerca e la cultura acquistino un posto di rilievo, una vera centralità in un serio e impegnativo programma di crescita e di sviluppo della comunità siciliana.

E’ una questione culturale, ma è anche una questione politica la cui risoluzione è strettamente legata alle risorse destinate. Avendo presente la difficile contingenza economica del nostro tempo, la strada da percorrere appare lunga e difficile, ma le buone notizie stimolano all’impegno e lasciano aperto il cuore alla speranza.

*Presidente Associazione Ex Deputati Parlamento Siciliano

Leggi: LEGGE REGIONALE SUL DIRITTO ALLO STUDIO

mano clicca

 

 

Pubblicato in educazione, Norme, quale scuola? | Lascia un commento

AIMC LENTINI. DUE GIORNATE DI CULTURA ED ARTE

Una interessante gita organizzata dalla nostra Sezione AIMC di Lentini per visitare splendidi luoghi della costa tirrenica della Sicilia: Capo d’Orlando, Montalbano Elicona , S. Angelo di Brolo, Tindari (zona archeologica e santuariodella Madonna) , Ficarra (Chiesa della Badia), ……
E’ stata una bella esperienza che ha dato l’opportunità ai partecipanti di vivere, in una tra le più belle zone della nostra Sicilia, due giorni tra cultura, arte, serena spensieratezza ed amicizia…. ❤️

L'immagine può contenere: oceano, cielo, spiaggia, spazio all'aperto, natura e acqualentini giugno 2019
Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

Sicilia. APPROVATA LA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO

brindisi champagneASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA
DISEGNO DI LEGGE NN. 304-14
LEGGE APPROVATA IL 5 GIUGNO 2019
Disposizioni in materia di diritto allo studio

Capo I
Principi e disposizioni generali
Art. 1.
Ambito di applicazione
l. Con la presente legge la Regione riconosce e garantisce il diritto allo studio e alla formazione sul proprio territorio. A tal fine, nel rispetto dei principi di buon andamento, efficienza, efficacia e adeguatezza della pubblica amministrazione, disciplina gli interventi regionali a sostegno delle politiche educative, ne assicura la qualità, intraprende e persegue le politiche e le azioni volte al miglioramento della complessiva offerta formativa affinché quest’ultima risponda a criteri di competenza, continuità, coerenza e avanzamento della conoscenza, secondo un prevalente criterio di continuità del progetto formativo individuale.
2. La Regione, nel rispetto dell’ordinamento dell’Unione Europea e delle strategie di Lisbona, della Costituzione, delle leggi costituzionali, dei livelli essenziali delle prestazioni di cui alla lettera m) del comma 2 dell’articolo 117 della Costituzione, delle norme generali dettate con legge dello Stato e dell’autonomia delle istituzioni scolastiche e universitarie, esercita, ai sensi dell’articolo 14 dello Statuto, la potestà legislativa esclusiva in materia di istruzione primaria e formazione professionale, nonché, ai sensi dell’articolo 17 dello Statuto, la potestà concorrente in materia di istruzione secondaria di primo e secondo grado e universitaria, promuovendo lo sviluppo e la piena realizzazione di un sistema integrato di educazione, istruzione e formazione professionale, capace di rispondere alle esigenze di sviluppo dei territorio.

Leggi: DIRITTO ALLO STUDIO SICILA – Legge 5 giugno 2019

mano clicca

Pubblicato in educazione, Norme, quale scuola? | Lascia un commento