ADERIRE ALL’AIMC – 2021

E’ tempo di rinnovare l’adesione all’AIMC per il 2021.

Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

Iniziativa di formazione – Aimc Nazionale

#percambiareilfuturo

Idee e proposte per progettare la Scuola oltre la crisi

Pubblicato su SOFIA con ID 57189 ID EDIZIONE 83387

Modulo di Iscrizione – Cliccare qui

Scaricare la locandina completa da qui sotto oppure cliccare sull’immagine.

Pubblicato in Convegni | Lascia un commento

Si ricordano ai soci gli incontri online di oggi

CLICCA QUI PER ACCEDERE AL COLLEGAMENTO

CLICCA QUI PER ACCEDERE AL COLLEGAMENTO

Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

DIDATTICA A DISTANZA. LUCI e OMBRE

https://aimcnews.blogspot.com/2021/03/dad-parlano-gli-studenti-durante-le.html

Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

MESSAGGIO DELL’ASSISTENTE ECCLESIASTICO REGIONALE

Padre Carmelo Raspa, A.E. Aimc Sicilia
Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

AIMC – NOTES – LA VALUTAZIONE

Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

Nomina Assistente Ecclesiastico Regionale dell’Associazione Italiana Maestri Cattolici (Sicilia)

Ai Consiglieri dell’AIMC Sicilia
Ai Presidenti Provinciali
Ai Presidenti di Sezione
Sicilia

Abbiamo il piacere di comunicare che la Conferenza Episcopale Siciliana, nella Sessione invernale svoltasi in data 11-12 gennaio 2021, ha affidato l’incarico di Assistente Ecclesiastico Regionale dell’Associazione Italiana Maestri Cattolici, al Reverendo Sacerdote, don Carmelo Raspa, Docente di Esegesi biblica ed ebraismo presso Studio Teologico San Paolo.

Siamo certe che don Carmelo Raspa accompagnerà, con spirito di servizio e competenza il lavoro dell’AIMC Regione Sicilia, indirizzandone il cammino per una sua crescita umana, morale e spirituale.

A nome dell’Associazione tutta, auguriamo a don Carmelo ogni bene per il suo nuovo servizio fra a noi.

Segretaria Regionale                                                                                Presidente Regionale

Giuseppa Di Mauro                                                                                      Marina Ciurcina

                                                                         

Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

Evento Online – Il cammino come esperienza di conoscenza: il territorio di Leontinoi

Si è svolto venerdì 26 febbraio 2021, nell’ambito delle iniziative di Leontinoi 2021 – duemilasettecentocinquantanni dalla fondazione greca, l’incontro “Il cammino come esperienza di conoscenza: il territorio di Leontinoi”, organizzato dalla Sezione AIMC di Lentini in occasione dei festeggiamenti e delle celebrazioni dei 2750 anni dalla fondazione greca di Leontinoi nel 729 a.C. L’incontro è stato presentato dai fondatori del Progetto, Giorgio Franco, Presidente di Cooperativa Badia Lost & Found e Luca Francesco Fazzino, Presidente della Pro Loco Lentini. Per la Sezione AIMC di Lentini è intervenuta la Presidente Pina Di Mauro.
L’obiettivo dell’intero progetto è quello di far rivivere il cammino e, attraverso varie iniziative, fare incontrare tra loro persone di culture e comunità diverse che vivono l’esperienza di fede. Su questo si basa il Cammino dei tre Santi Martiri Alfio, Filadelfo e Cirino verso i quali esiste molta devozione. I relatori hanno offerto, attraverso i loro interventi, spunti interessanti sulla promozione del territorio.

Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

ORADEA – ENJOY MUSIC – PROGETTO DI SOLIDARIETA’

Carissime/i,
la Comunità cattolica in Romania, essendo una minoranza, spesso si confronta con grandi difficoltà, anche se cerca di essere fervente e propone tante attività, a costo anche di tanti sacrifici. La nostra Associazione e la Fondazione da vari anni collaborano con la Comunità cattolica di Oradea che, in questo particolare momento, ci ha chiesto un aiuto affinché si possa divulgare in maniera capillare fra i nostri soci, nelle scuole e nei territori, un video e una brochure per una raccolta di donazioni che servirà a poter continuare le attività che svolge. Il bene che sarà fatto arriverà a tanti giovani e nello stesso tempo sarà un aiuto per tutta la Comunità cattolica rumena.
Le attività che si possono fare per sponsorizzare il progetto possono essere:

  • banco di raccolta fondi;
  • pubblicizzare il volantino nelle scuole, nelle comunità parrocchiali, nelle nostre sezioni…
  • nel periodo pasquale invitare a rinunciare per donare all’altro…

La comunità di Oradea mette a disposizione, delle realtà territoriali Aimc, la possibilità di far intervenire il loro coro in modalità online.
….

Ognuno di voi, siamo certi, sarà portatore del messaggio e non mancherà la nostra solidarietà.
Per questo, a nome di Padre Paolo e di tutta la Comunità cattolica di Oradea,

UN GRAZIE DI CUORE.

Cordialmente
La Segreteria nazionale AIMC 

Click qui per il video👇:

https://www.youtube.com/watch?v=iUTt4I_74kc

Questi sono i dati bancari per chi vuole fare copia-incolla:

IBAN: RO79BTRLEURCRT0296601801
SWIFT: BTRLRO22
Intestato a: ASOCIATIA ENJOY MUSIC
Bank: BANCA TRANSILVANIA
Indicando il testo : “Donazione”
Contatto:
email : enjoymusicoradea@gmail.com

Scarica qui il flyer dell’iniziativa

Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento

Corso di formazione svolto dalla sezione AIMC di Siracusa

L’ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI CATTOLICI

“Una risorsa per le professioni della Scuola”

Angela Gullì

Sono ripresi in modalità Web gli incontri di formazione organizzati dalla sez. AIMC di Siracusa, come sottolineato dalla presidente ins. Rita Marino per non disattendere quanto previsto dalla legge n. 107/2015 sulla formazione obbligatoria per il personale docente in servizio. Nel primo step di formazione l’argomento trattato con la psicologa dott.ssa Annamaria Corpaci è stato su una tematica al momento molto sentita:
“Pronto Soccorso per le emozioni”
La relatrice dopo i saluti ai partecipanti entra nel vivo della tematica da trattare e lo fa mettendo in evidenza i problemi che la società sta affrontando a causa dei risvolti causati dalla pandemia.
Il Coronavirus come risaputo è entrato nelle nostre vite all’improvviso, ci ha costretti a modificare radicalmente il nostro stile di vita e a riorganizzare in modo repentino la quotidianità. Siamo stati chiamati ad affrontare la sfida dell’isolamento, abbiamo sperimentato emozioni come l’ansia, la paura, l’incertezza, ma anche spavento, nervosismo, incertezza … e spesso abbiamo avuto difficoltà a gestirle. Per evitare che le emozioni negative prendano il sopravvento è necessario offrire soprattutto ai bambini e agli adolescenti delle strategie per aiutarli a gestire queste situazioni contrastanti, spiegando che le sfide rendono più forti e che è possibile viverle nel miglior modo possibile.  Per fronteggiare un “evento traumatico” è importante abituare i bambini ad essere resilienti, termine che sta a indicare la capacità di un soggetto di far fronte a difficoltà e ostacoli in maniera positiva, poiché solo riorganizzando la nostra vita sarà possibile affrontare e superare l’onda anomala che ci ha travolti.
La resilienza, infatti funziona in modo simile al nostro sistema immunitario: così come il sistema immunitario si costruisce una solida base di anticorpi, così la resilienza si sviluppa e si stimola fin dall’infanzia per costruire una solida base di anticorpi emotivi, cognitivi e sociali per affrontare gli eventi.
Non dimentichiamo ci ricorda la relatrice che ogni azione, ogni parola, ogni riflessione influenzerà il futuro di ciascuno, ma soprattutto quello degli alunni, perché l’età scolare è il momento in cui si struttura la personalità, più risorse diamo ai nostri ragazzi, maggiore sarà la possibilità per loro di superare positivamente questa situazione. La pedagogia ci insegna che il bambino cresce e si sviluppa grazie all’educazione che avviene sia in famiglia, sia a scuola e che l’adulto genitore o docente che sia, rappresenta il filtro per evitare che egli elabori negativamente un vissuto. L’adulto quindi “mediatore” privilegiato di questo processo di educazione alla resilienza che insegna a non evitare gli ostacoli, ma che spiega perché bisogna rimanere in piedi e riorganizzare positivamente la propria vita. Un percorso in salita dunque, durante il quale bisogna accogliere e spiegare le emozioni che i nostri bambini vogliono esternare per aiutarli a superare le difficoltà senza esserne travolti. Una funzione importante per acquisire capacità di resilienza è tipica del gioco e delle attività espressive, perché consentono al soggetto di liberare alcune zone della mente contribuendo ad acquisire la capacità di reazione e rielaborazione delle problematiche che siamo costretti nostro malgrado a vivere. In altre parole si tratta di vedere anche nelle difficoltà, il bicchiere mezzo pieno, di riscoprire l’opportunità di coltivare passioni, interessi, hobby, ma soprattutto si tratta di favorire l’autostima, la fiducia la voglia di trovare soluzioni efficaci ai problemi, perché una visione equilibrata e realistica della realtà favorisce la resilienza, mentre posizioni rigide e negative tendono ad imprigionare il soggetto nel problema. La resilienza, risorsa indispensabile per l’individuo non si acquisisce una volta e per sempre, ma è un cammino da percorrere, una capacità da apprendere e fare propria, soprattutto nei contesti educativi.
Non ci sono ricette magiche, ma possiamo fornire indicazioni utili sulla strada da percorrere per gestire le difficoltà e superarle, perché un soggetto resiliente sarà sicuramente un soggetto più sereno. Ciascuno è capace di fronteggiare le difficoltà: – La forza sta dentro di noi, bisogna tirarla fuori.  La resilienza quindi come risorsa indispensabile, per crescere e affrontare la vita a testa alta.

Pubblicato in quale scuola? | Lascia un commento